4 thoughts on “unamammaindisordine (parte1)

  1. Da morire dal ridere!! prodigiosa come sempre!! e hai perfettamente ragione, fai ciò che ti fa stare bene, adesso e dopo!
    Anche io in gravidanza ho letto il libro di Tracy Hogg, ma dopo tre giorni di vita del mio bimbo l’ho buttato: la frustrazione, per non riuscire a gestire il metodo “easy” in contrasto a ciò che mi diceva il cuore, bruciava troppe energie (che sono fondamentali). Ho trovato invece illuminante il libro “E se poi prende il vizio?” di Alessandra Bortolotti, più in linea con il mio modo di pensare.
    Se posso darti un consiglio, anche se non richiesto, e magari potenzialmente scassachitarrini: leggi tutto ciò che vuoi e tieni solo ciò che si allinea con il tuo pensiero, e il tuo cuore soprattutto! una frase illuminante per me è “ciò che è meglio per un neonato lo sa solo chi l’ha generato”: fai valere il tuo istinto e seguilo perchè è la strada giusta!
    E poi, trovati un consultorio familiare vicino casa tua dove seguire il corso preparto, non serve fare corsi privati che costano una fortuna. I consultori sono realtà meravigliose e purtroppo poco conosciute, ci lavora gente con i c… e, nel mio caso, ho ricevuto i migliori consigli pre e post gravidanza e una vera preparazione al parto (ma non che ti insegnano come respirare, yoga, ecc..-tutte cavolate- piuttosto una conoscenza riguardo a ciò che avviene durante il parto a livello fisico e una preparazione mentale al parto e ai primi giorni dopo). Senza contare che al corso incontrerai mamme con la tua stessa panza con cui condividere pensieri e paure e creare una rete sociale di salvataggio (da non sottovalutare anche se hai 2000 amici/amiche, perchè nessuno al momento sta vivendo quello che vivi tu e possono solo ascoltarti ma non capirti al 100%, ma un’altra panzuta come te sì, anche se la conosci da 5 minuti).
    Infine (e poi taccio) quando vorrai pensare a dove partorire, sappi che gli ospedali milanesi organizzano incontri di presentazione dei servizi per le future mamme. molto interessanti.
    Ma che te lo dico a fare, sei avanti 100 anni, sai trovare il migliore ristorantino imbucato, figurati se per queste cose il tuo fiuto non si è già fatto sentire!!
    un abbraccio a te e all’arancino!!

    • Grazie Stefania, anche io credo che alla fine siano istinto e buon senso i migliori manuali però mi segno subito il titolo che mi hai indicato!
      E grazie per tutti i consigli, il corso pre parto lo farò in ospedale!
      Un abbraccio!

  2. Congratulazioni Clio, che notizia stupenda! Un anno fa ero incinta anch’io e sottoscrivo appieno il tuo post pieno di quel sano pragmatismo che ci contraddistingue quando aspettiamo. Anch’io ho letto il libro di Tracy Hogg, all’inizio entusiasta, ma poi l’ho trovato un po’ difficile da applicare quando effettivamente oltre al libro avevo tra le mani un neonato vero, vivo e urlante. Ne ho poi letto un altro, si chiama “Il metodo maman”, e l’ho trovato pieno di buon senso e ironia: consiglio vivamente. Un abbraccio e in bocca al lupo!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s