Dovevo fare la wedding planner

Piccoli appunti con cui mi inimicherò i più e che  probabilmente a me non serviranno mai visto che non ho tra i miei main goals lo sposalizio ma magari a voi possono servire per evitare di farvi bestemmiare dagli invitati.
(sì, va letto tutto d’un fiato)

– partiamo da un presupposto: se faccio una festa ed invito le persone a cui voglio bene, l’obiettivo è farle divertire, non infelicitarle;

– se non sono credente magari salto il passaggio cerimonia in Chiesa. Se proprio proprio muoio dalla voglia di percorrere la navata con 7 mt di velo, non faccio celebrare la Messa  alle 15:00: è controra!

– dò un centello in più al prete e mi assicuro che la cerimonia duri MASSIMO un’ora;

– non mi sposo tra giugno e settembre costringendo le donne a farsi la piega con 37 gradi e umidità 99% e a  sventagliarsi in Chiesa con l’ascella pezzata e gli uomini a mettere la giacca e la cravatta e a fare le tartarughe nel pantalone;

– non siamo in Sierra Leone: la gente tendenzialmente ha da mangiare durante l’anno in Italia. Sono necessari aperitivo, antipasto, le mozzarelle fatte sul momento, il frittino, primo di mare, primo di terra, secondo di mare, secondo di terra, frutta, dolce, caffè, ammazzacaffè, torta nuziale, spaghettata aglio, olio e peperoncino, la zia con l’angina e il nonno con lo sguarrone? Un grigliatone carne e pesce di qualità e una svalangata di contorni e dolci non possono bastare?

– il dress code NO. Vi prego. Già è nu stress pensare acosamimettoalmatrimonio e – 90 su 100 –  il pensiero comporterà una spesa non indifferente. Total White, Shabby Chic, Anni ’50, Power Rangers e Ghostbusters. No dai, siamo seri. Almeno che ognuno abbia la libertà di mettere ciò che vuole;

– non ci si sposa di giovedì costringendo tutti a prendere 3gg di ferie perché avete trovato posto nella masseria del piffero solo quel giorno;

– se decido di fare il faigo e sposarmi  in un agriturismo 5 stelle nel Chianti , la stanza agli ospiti LA PAGO IO. Non è che faccio come le feste a Milano in cui il festeggiato invita a cena e poi si paga alla romana;

– è una festa: che ci sia la musica, il divertimento, il ballizzo. No ballerine brasiliane e tuffi in piscina vestiti. Però una band, dello swing, una cantata sbronzi. Si può essere di classe anche senza essere noiosi: un matrimonio non è una Convention degli Industriali di Confindustria;

– è una festa: non è un sequestro.  La parte delle 300 foto uguali sulle balle di fieno mentre gli invitati aspettano gli sposi nella lochesscion onestamente si può saltare. Si può saltare anche il lancio pilotato del bouquet. E anche la parte del photobooth: l’ho organizzato una sola volta, al mio compleanno. Vi dò questa notizia in conclusione (citazione colta e solo per pochi): non fa ridere. Insomma fate dei tagli alla regia dell’evento;

– la bomboniera: si gradiscono bottiglie di vino, marmellate, prodotti deperibili in generale. Si consigliano anche donazioni e libri. Ma l’oggettino, vi prego, NO. Che poi tocca metterlo in un cassetto e ricordarsi di tirarlo fuori ogni volta che si invitano gli sposi a cena;

– il regalo: ok, abbiamo capito che uno coi regali si ripaga la festa, ma almeno mascherate la cosa in modo carino. Dare l’IBAN secco e nudo è tremendo. Mi sembra di pagare il condominio. Mandate proprio il MAV a casa a sto punto. E poi è così bello poter scegliere cosa regalare a chi amiamo!

– budget: parliamo di cose serie. A meno che uno non caghi zecchini, non è peccato spendere tutti quei soldi che potrebbero essere investiti che so, in un mega mega mega viaggio? In un’opera d’arte? In un pezzo d’arredo? Cioè si può fare una festa super bella e super divertente con semplicità e senza dissanguare il proprio conto e quello di genitori e suoceri, no?

Coppie, se proprio proprio decidete di sposarvi tra giugno e settembre, di invitarmi in Chiesa alle 15, di farmi pagare la stanza nel Chianti di giovedì, di sequestrarmi 24h, di buttarmi in piscina vestita e di regalarmi un cigno di Swarovski come bomboniera, fate il diamine che volete, sarò felice per voi ma almeno poi restate insieme due, tre anni! E che chezz!

Zach+&+Rebecah_2117

 

Advertisements

2 thoughts on “Dovevo fare la wedding planner

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s