Pillola, spirale, diaframma e Durex

Ieri sera subito dopo essermi accomodata all’ Osteria della Pasta e Fagioli e aver deciso di ordinare una costata di cavallo (amici vegani, lo so, sono una persona orrenda), ecco entrare una famiglia alquanto pop: due bambine di 1 e 4 anni circa in un passeggino doppio, una mamma sfranta, spettinata e nervosa e un padre surriscaldato, bello zarro e con accento romano marcato.

carlo-verdone-e-claudia-gerini-in-una-scena-del-film-grande-grosso-e-verdone-53869

Dopo neanche 10 minuti non si capisce nulla: versi tipo scannamento del porco e amabile signora che trascina bambina ululante fuori dal ristorante.
Sento provenire dall’esterno pianti disperati e urla dunque decido di uscire a dare un’occhiata: la gentildonna per un paio di minuti strattona, sculaccia e impreca contro la povera PRISCI’. La prende anche un istante dalla gola e mi si gela il sangue.
Dopo poco la contessa si accorge di me modello vedetta pronta con il 113 sul telefono e si calma. Si calma anche PRISCI’ che rossa rossa smette di piangere.

Aspetto che la contessa rientri, rientro anche io e a quel punto parte lo show di quel signore del marito che mi sussurra alle spalle robe tipo “ma vedi te se sta cojona deve anna’ a vede’ mi moje che da’ na sculacciata a mi fija, m’e’ passata la fame per sta cojona”.

Respiro e lascio perdere.
Non posso fare nulla: il Vecchiarutti è  troppo ignorante per ascoltarmi e probabilmente  se chiamassi la polizia scatenerei rissa e rischierei accoltellamento senza avere uno straccio di prova dell’accaduto e delle violenze verbali verso PRISCI’.

Priscillina, bionda e paffuta, è da ieri sera che ti penso.
Che qua la gente fa figli per sport: se non siete stabili mentalmente, se non siete certe di reggere allo stress e alla mancanza di supporto di nonne e suocere, se accanto avete un minchiarile, se non c’avete na lira, se non sapete stare al mondo, pigliatevi pillola, spirale, diaframma, Durex e chiudete le gambe.

 
Che “una sculacciata” non ha mai fatto male a nessuno ma secondo me quelle urla rabbiose e quelle umiliazioni qualche ferita a PRISCI’ l’hanno inferta.

PS: la costata di cavallo era SPAZIALE.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s