La Primavera torna sempre

Per la categoria “Milano è grigia, non ci vivrei mai” un piccolo estratto di quanto questa città possa essere accogliente, inclusiva, emozionante, ricca, bella e alla portata di tutti i curiosi.

Sabato mattina mi sveglia un sole caldissimo. Caffè e giornale all’aria aperta e via verso Floralia: sul sagrato della Chiesa di San Marco l’appuntamento immancabile delle sciure milanesi.
Fiori, piante, vestitini per bambini di quelli super chic, piccoli oggetti di buon gusto. Un piacere per gli occhi. Gironzolare è gratuito e mette tanto buon umore.

 

Ho i tacchi ma la giornata è troppo bella e allora mi butto in Via Solferino, Via Fiori Chiari, proseguo su Via Mercato e spunto in Cairoli. Il sole è caldo e il Castello Sforzesco è bello e imponente. Lo attraverso e sono dentro Parco Sempione.

Ho i tacchi ma ce la faccio: mi tolgo il cappottino, tiro su le maniche e cammino fino al laghetto. E mi rendo conto che in 15 anni a Milano non avevo mai visto tutte le tartarughe che lo popolano! Ma qualcuno poi le adotta?

image5

Pranzo davanti all’Arco della Pace, una mini sacher al lampone da Pastichéri e ho voglia di camminare ancora. Via Sarpi da un capo all’altro e poi dritto fino a Eataly. Salto in metro e corro a Palestro: Villa Necchi Campiglio mi aspetta. Le giornate di Primavera del FAI sono sempre un’occasione per riscoprire la bellezza che ci circonda e quest’anno ho deciso di esplorare questa perla: una visita guidata (GRATUITA) per i 2000 mq disegnati da Piero Portaluppi negli anni ’30 che tolgono il fiato.
Rinascere Gigina Necchi non deve essere affatto male anche solo per i suoi cappelli.

 

1

Ho ancora su i tacchi, inizio ad avere le allucinazioni. Mi trascino nel quadrilatero del silenzio tra l’orecchio-citofono di Wildt e Palazzo Fidia, arrivo ai Giardini Indro Montanelli e lancio le scarpe sotto la panchina. Mi massaggio i piedi 30 minuti mentre faccio people watching: 80enni con il risvoltino, papà con bambini completamente ricoperti di terra, coppie che portano a spasso cani e cani che portano a spasso coppie. Forse prendo un taxi per tornare a casa ma no, devo farcela. Una birra artigianale da HIC in via Spallanzani, è così bella quella via. Mi sento meglio. E poi ancora a piedi, sui tacchi, fino a casa.

L’app salute dice che ho camminato 15 km per Milano. Inizio a pensare di candidarmi sindaco.
Dopo quest’impresa eroica la mia domenica è sciallo picnic al parco: cestino, mele e una compagnia di conterranei con tanto di lasagne, palloni, musica, droni, vini, limoncello, taralli, coperte e cuscini.

image5 (2)
E poi la curiosità vince sempre e allora a sbirciare Bellissima Fiera, fiera di libri e cultura indipendente dove ho scoperto nuovi editori e acquistato il libro che segna il mio ingresso in questa Primavera (l’unica attività con ingresso a pagamento di tutto il week end, ben 2 euro signori!).

image1

image2 (3)

image4 (3)

Allora, grigia e inaccessibile Milano, eh?

 

Ps. Grazie a tutti i camminatori stanchi che mi hanno accompagnata. So che ora non vorrete rivedermi mai più ma io vi ho LOVVATI molto questo week end!

 

 

Advertisements

4 thoughts on “La Primavera torna sempre

  1. Nooo che bello! Volevo venirci anche io a passeggio con voi *-*
    Sono stata una sola volta a Milano ma ne sono rimasta affascinata,credo di amarla. Ho riconosciuto alcuni itinerari da te citati e che dire,foto bellissime! Ma lasciamoglielo credere che Milano sia tutta noia e grigiore,ché a noi piace tanto anche senza loro! 😀

  2. Hai descritto alcuni dei miei scorci preferiti! Milano in primavera sa essere dolce e accogliente, e il parere comune che non lo sia me la fa solo amare di più.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s