Istruzioni di salto

Milano, 22 giugno 201

Semaforo rosso davanti a Eataly.

Da un lato una bona da esportazione, jeans a vita alta, capelli lunghissimi, sorriso splendente.
Apre i palmi dellae mani e sgrana gli occhi verso un ragazzo dall’altra parte delle strisce pedonali.

Lo vedo attraversare.
Capellino liscio tristino, polo blu tristina, spalla a bottiglia tristina, camminata lenta tristina.
Arriva dall’altra parte delle zebre e lei gli stringe la faccia tra le mani, lo riempie di baci sulle guance, lo bacia sulla bocca e gli salta addosso.

Lui fermo. Immobile. Inerte.

treehug

Abbozza un sorriso.

Il semaforo è verde.
Li vedo camminare, senza prendersi per mano.

Vado verso casa e penso a quanti slanci ho avuto io verso quei plinti di calcestruzzo dalle fattezze umane e quanto la storia del “ma io sono fatta così, mica mi aspetto qualcosa” sia una cagata pazzesca.

Se salti addosso a qualcuno stai aspettando che ti pigli al volo.

Se riatterri da sola è una bella merda.

 

Advertisements

3 thoughts on “Istruzioni di salto

  1. Si … mi chiedo anche io come si faccia, piuttosto non si parte nemmeno … ma se uno dei due si lancia l’altro lo deve prendere al volo … se poi non funziona si cambia rotta ma in quei momenti la stretta deve essere forte. Buonamfortuna funambola

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s