Facebook Detox

Ad un certo punto mi sono resa conto che ero sulla via della lobotomizzazione.

Il cellulare appendice del braccio, un controllino a Facebook in ogni pausa, una condivisione ogni tre ore.

Messaggi, messaggi, messaggi.

Mi sono sentita sopraffatta.

o-ADDICTED-TO-FACEBOOK-DIET-570

Posso perdere tutto questo tempo? Il mio tempo è prezioso, devo fare qualcosa.

E così ho deciso di provare un mini digital detox: iniziamo con Facebook, il demonio.

Iniziamo con una settimana di disintossicazione.

Pensavo sarebbe stata un pochetto dura e invece Facebook non mi è mancato neanche un nano secondo.

E ho stilato un elenco dei motivi per cui da oggi, terminata questa settimana detox, ho deciso di riprendere ad usare Facebook limitandone l’uso a qualche minuto al giorno, non di più.

1. Guardo di più i semafori

2. Non devo sentirmi in colpa per non avere voglia e tempo di rispondere a sconosciuti che mi inviano improbabili inbox. (Eccone un recente messaggio con incipit da sogno)

Screenshot_2015-01-26-15-18-39

(O anche questo genere di monologo)

Screenshot_2015-01-26-15-53-30

(o questo, tu sì che sai fare colpo)

Screenshot_2015-01-26-15-54-36

3. Non perdo nessuna news: Twitter fa un dignitosissimo lavoro.

4. Meno vita in piazza e localizzazioni, maggiore possibilità – una volta ogni tanto – di inventare una cagata.

5. Per quanto io non sia affatto una persona invidiosa e posto che le vite perfette mostrate su Facebook perfette non sono,  il confronto costante con persone che sbattono in faccia il loro status può a volte risultare non tanto stimolante e quasi mortifcante. Stare fuori da Facebook aiuta a paragonarsi di meno agli altri e concentrarsi più su se stessi.

6. Posso vivere molto bene senza sapere chi sta con chi e dove.

7. Meno Facebook, più tempo per i libri.

8. Non mi ricordo tutti i giorni che faccia di merda hanno i miei ex.

9. Posso contattare le persone che mi mancano sul serio via sms o whatsapp o chiamandole. E posso anche condividere articoli interessanti via MAIL.

10.  Posso  usare molto più spesso la scusa “non lo sapevo, sai non guardo mai Facebook” che fino ad oggi ho odiato profondamente.

Facebook mi ha regalato tantissimi incontri speciali e continuerò ad esserci e apprezzarne il lato di scoperta e condivisione. Ma con molta più  oculatezza, riservatezza e responsabilità.

Next step?

Una settimana qui.

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s