Le storie dietro gli scatti

Ieri sono stata al primo appuntamento delle Lectio Magistralis di fotografia e dintorni organizzate da AFIP e CNA (qui i dettagli e i prossimi incontri) e c’era Gianni Berengo Gardin che ha raccontato le sue fotografie ed anche la sua vita.

Posto che non credo servano le presentazioni, ciò che mi ha davvero affascinata è stata la lucidità puntuale dei suoi 83 anni, la meticolosità dei suoi racconti, la precisione della sua memoria, la sua ironia così attuale, le sue prese di posizione decise e convinte.

Ha raccontato della sua amicizia con Willy Ronis e di quando Henri Cartier-Bresson gli ha scritto “Con amicizia e ammirazione” come dedica su un suo libro: “la mia vita sarebbe potuta finire lì, con l’ammirazione di Henri Cartier-Bresson“.

Non ha solo scattato foto. Non ha solo raccontato emozioni.

Ha fatto reportage. Ha contribuito a svolte importanti. Ha espresso la sua opinione, il suo punto di vista sulle cose.

E come lui stesso ha detto stasera, ha avuto fortuna.

Perchè “senza botte di culo la metà di questi scatti non sarebbero stati possibili“.

1.500.00 foto in archivio 
285 servizi
250 mostre
1 foto in digitale

e una avversione per Photoshop.

Ha ripercorso i temi della sua mostra Storie di un fotografo che fino all’8 giugno è a Palazzo Ducale a Genova.

Partendo dai baci, che quando è arrivato a Parigi negli anni ’50 non gli sembrava vero che tutti potessero baciarsi per strada.

Questa l’ha scattata un’ora dopo essere arrivato ventenne nella ville lumière.

2gianniberengogardinpar

 

Ci ha raccontato Venezia e Milano.

Trolley depot - Deposito di tram

I manicomi e la legge Basaglia.

UTF-8Gianni-Berengo-Gardin-–-Parma-Istituto-psichiatrico-la-camicia-di-forza-1968-–-©-Gianni-Berengo-Gardin-_-Contrasto-

La Liguria, l’entusiasmante esperienza con Renzo Piano e il grande reportage “dentro le case”.

Gianni-Berengo-Gardin-Gia

 

E gli zingari.

Con i quali ha vissuto per alcuni brevi periodi per conoscerli meglio.

E tra i quali ha trovato incredibili artisti.

gianniberengogardin

Ci ha mostrato la sua foto più famosa.

“Ed io non capisco perchè abbia così successo. A me fa piacere ma l’unica cosa straordinaria di questa foto è che mi trovavo in Scozia e lì le persone amano davvero la natura, non come noi. E questa coppia era lì ferma con la bufera ad osservare il mare”.

14860_3.Gianni-Berengo-Gardin-Gran-Bretagna_1977-800x565

 

E condiviso il retroscena di questa, che non ritrae la scena di un delitto ma semplicemente una modella esausta che, dopo ore di pose, si era lanciata per terra per la stanchezza.

111-authentication

 

E le immagini dei  suoi 15 anni accanto agli operai della Olivetti.

E di come sia diventato comunista (e di quanto non sopporti Berlusconi dalla notte dei tempi)

architetture-resistenti-L-dOexPJ

 

E poi Luzzara.
E anche Taranto.

bg

Le sue pochissime (5!) foto in posa, come questa, in cui i passeggeri del treno sono suoi amici.

berengo002

 

E la sua unica foto in digitale, scattata sotto casa sua.
Ancora baci.

LeicaMMonochromperilmomentodecisivodiGianniBerengoGardin-1

E infine il suo reportage contro  i “mostri” che invadono Venezia.

venezia1

 

Insomma, storie, emozioni, risate.

E io ci metterei 1.500.000 firme per arrivare a 83 anni così.

 

Chiudo con la mia preferita. Per me in questo scatto c’è proprio tutto.

 

gianni-berengo-gardin-0311

 

 

PS: Consigli per gli acquisti (fresco fresco di stampa):

 


Il_libro_dei_lib_5315aba57319f

 

I CONTENUTI DEL SITO WEB POSSONO ESSERE LIBERAMENTE COPIATI DA ALTRI SITI INTERNET A SCOPO DI CRITICA, CONFRONTO E RICERCA, CITANDO GLI AUTORI E LINKANDO LA FONTE

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Clio Zanon.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s