Analisi finanziaria di un invito a cena

0c275702791c8d90cf73de113b21e779

Nelle ultime settimane ho sentito di donne a cui è stato chiesto di smezzare il conto nella pizzeria al taglio (3.70 euro cad)e “uomini” che al momento di pagare hanno mostrato il portafogli dicendo “ah, ma io ho il bancomat, non ho contanti” (ecco, il bancomat non porta malattie, puoi tirarlo fuori dal portafogli e usarlo).

 

Ora, posto che abbiamo smesso di sognare il mazzo di Au nome de la rose che arrivi in ufficio un lunedì qualunque, il week end a sorpresa in moto nel Chianti e l’uovo di Pasqua di Gobino personalizzato con il nostro nome, ecco, la cena però PAGATELA.

 

No perché la qui presente è uno degli essere meno curante del denaro del pianeta ma qua, famoli sti du conti.

 

Un invito a cena – cari miei – solitamente implica le seguenti voci nella colonna “COSTI” del nostro conto economico:

 

1)   Ceretta & smalto= che sei stracciona come me ti rivolgi alle professioniste del pelo in Sarpi che te strappano anche i bulbi piliferi per un totale di 30 euro al massimo. Ma la spesa può salire up to 60 and more se non si vuole rischiare di prendere la scabbia e si preferisce un centro estetico autorizzato;

2)   Il completino (perché abbiamo superato la fase nonladòlaprimasera, che qua già stiamo rovinate) = non so voi, ma io riesco a spaiare i completini con la stessa velocità con cui le mie relazioni nascono e muoiono e dunque ad ogni appuntamento mi vedo costretta a recarmi da Intimissimi, che ormai ha i prezzi di Victoria’s Secret, e lasciarci 50 euro per evitare di presentarmi con la mutanda verde pisello abbinata ad un reggipetto lavanda;

3)   Il parrucco = perché non vuoi farla na piega al volo? E ti partono altri 20 euro.

 

A seconda poi di quanto il manzo ci interessi, alle summenzionate spese si possono aggiungere un vestitino vista tetta di Zara, un tacco 15 fiammante da Aldo, un profumo nuovo di Annick Goutal…

Praticamente, mentre voi vi presentate al primo appuntamento con le mutande sfilate marchio UOMO comprate dalla mamma al mercato, i calzini consunti sul tallone e non importa se l’ascella fete un po’ perché sai arrivo diretto dall’ufficio, a noi ci so partite 100/150 euro.

 

E considerato che nun ce portate da Innocenti Evasioni ma alla Pizzeria Soleluna con gli schermi con la partita della Fiorentina, volete sganciare sti 15 euro di pizza e birra?

 

No perché capito che fatica e che investimento ci sono per evitare di presentarci al vostro cospetto con la foresta old school, er mutandone de cotone e il capello unto?

 

E allora, di grazia, se proprio non avete voglia di sbatterci contro il muro e limonarci tutta la notte come vorremmo, almeno pagatela sta cena.

 

 

I CONTENUTI DEL SITO WEB POSSONO ESSERE LIBERAMENTE COPIATI DA ALTRI SITI INTERNET A SCOPO DI CRITICA, CONFRONTO E RICERCA, CITANDO GLI AUTORI E LINKANDO LA FONTE

© Copyright

All rights reserved

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta di Clio Zanon.

Advertisements

4 thoughts on “Analisi finanziaria di un invito a cena

  1. Ti ho scoperta questa mattina appena aperto gli occhi, e tu mi hai aperto un Mondo, son stato colpito dal tuo viso e graffiato dalle tue parole. Ho già letto buona parte delle tue “esternazioni” rimanendo sorpreso da ogni riga…hai di sicuro incontrato in sacco di manzi mononeurone ma hai anche ridato, sicuramente inconsapevolmente, ad un ragazzo sulla soglia dei 40, speranza, fiducia e voglia di riprovare le brezza di confrontarsi con una “femmina” che non sia solo smalto tacco e rossetto con scatola cranica utile solo a sfoggiare acconciature fighissime…
    …sappi che oggi, ma anche per un bel pò, sarai al centro dell’universo, il mio. Roberto

  2. Il bello è quello alla fine. Che noi la speranza non la perdiamo mai e ci rimettiamo in gioco sempre, con la stessa energia.
    Onorata Roberto.
    Grazie di cuore.
    Sarò felice di poter graffiare ancora.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s