Things that make me happy: le mie amiche.

e83bfa32a3106bfe93c1b2be2c3cfdf4

Quando ripigli il numero della psicoterapeuta, quando strano ma vero i jeans vanno larghi, quando l’ennesimo uomo di merda ha buttato una bomba Maradona nel tuo cuore, quando ti addormenti sperando che arrivi subito domani, quando non ti addormenti affatto, quando hocaldo hofreddo hosonno hofame hosete vogliouscire vogliostareacasa stammilontana abbracciami, ecco, i rimedi sono solamente due: la mamma e le amiche.

Quella che c’è da sempre. Quella che non importa dove sia. Quella con cui non c’è bisogno di parlare. Già sa. Gera.

Quella che fa le stesse mie cazzate e che mi prepara cene stellate. Paola.

Quella che mi piglia a muso duro, che dai suoi tacchi 15 e col mascara sempre perfetto mi bacchetta a dovere prima di sciogliersi in un abbraccio. Elena.

Quella che mi manda la foto della zarra o la gravida del giorno da commentare e riesce a strapparmi un sorriso anche quando mi sento Christiane F. Chiara.

Quella che sono solo 18 anni che ci adoriamo. A Taranto, a Milano, ovunque. Claudia.

Quella che piglia un aereo e corre da me, in un paesino del cazzo al nord della Francia, con tutta la sua dolcezza e i suoi sorrisi. Pronte a surfare ancora. Giulia.

Quella che possiamo anche non sentirci per mesi, poi una cena al Braciere ed è sempre tutto uguale. Tutto profondo e divertente. Annalisa.

Quella con cui ho scoperto Dente, con cui ho ascoltato Guccini guidando per la Murgia, quella a cui ho lasciato biglietti di notte sul tavolo. Se ci siamo ritrovate è amore. Sara S.

Quella che mi ospitava sul suo divano ogni volta che non riuscivo a stare da sola. Quella che è tutta una coccola e che mi conquista con purezza e generosità. Sara A.

Quella che ha quasi 10 anni in meno ed è 10 volte più saggia e intelligente. Chiara.

Quella che mi fa ridere con ogni racconto ed è la mia certezza ogni ad ogni ritorno. Federica.

Quella che dai giri in motorino ora mi emoziona coi giri in passeggino. Fabiana.

Quelle che sono state le più belle sorprese di Reims. Maria e Margherita. (Forse senza di voi mi sarei lanciata sui binari dalla mia finestra).

Quelle che mi coccolano sempre: Maddalena e Francesca.

Quella che conosco da poco e che già mi ha conquistata. Alessandra.

Quella che non è un’amica. E’ il mio sole. Mirta.

E poi ci sono una valanga di donne stupende che sento vicine e che stimo!
Quando penso a quante amiche stupende ho mi sento ricca, ricchissima!
E non importa se non ho i soldini per comprare un abitino della PE2014 di Mary Katrantzou.
Me li presteranno le mie amiche!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s